Pubblicato in Imballaggi
Nuove tecnologie e bioplastiche alternative promuovono la crescita del mercato

Una recente indagine condotta dall’analista Frost & Sullivan sul mercato degli imballaggi in plastica flessibile rivela opportunità di crescita promettenti nei prossimi quattro anni. Il cambiamento delle preferenze dei consumatori e l’evoluzione del mercato al dettaglio hanno aumentato la domanda di imballaggi flessibili con caratteristiche come un maggior tempo di conservazione, praticità e facilità d'uso. La crescente necessità di opzioni innovative di imballaggi di questo tipo in grado di soddisfare gli standard di riciclabilità, normativi e di sostenibilità sono ulteriori fattori che aumentano le redditizie opportunità di espansione del mercato. Secondo Frost & Sullivan il mercato globale degli imballaggi in plastica flessibile genererà ricavi per 172,29 milioni di dollari dal 2018 al 2023 con un CAGR costante del 3,2% nel quinquennio.

A causa delle attuali pressioni normative, dei consumatori e ambientali, i produttori stanno orientando le proprie strategie verso la circolarità e hanno sfruttato le nuove tecnologie plastiche per sviluppare soluzioni riciclabili e sostenibili che includano proprietà specifiche come la barriera a ossigeno, umidità e luce, la resistenza chimica e alla punturazione e l’apertura facilitata. Altre aree di interesse chiave per i produttori includono lo sviluppo di bioplastiche alternative come il succinato di polibutilene e il biopolipropilene, anche se dovranno essere esaminati fattori competitivi come il prezzo e lo smaltimento delle bioplastiche per garantirne un utilizzo efficace.

Dal punto di vista delle zone geografiche, l'Asia-Pacifico dovrebbe essere la regione con il tasso di crescita più elevato durante il periodo di previsione in virtù del numero crescente di famiglie a doppio reddito. Mentre il Nord America si trova ad affrontare la forte concorrenza dei mercati emergenti e dovrebbe registrare una crescita media, ci si attende che le normative europee in materia di riciclabilità e sostenibilità delle materie plastiche utilizzate negli imballaggi influenzeranno questa regione.

 La costante crescita della classe media in Asia-Pacifico è destinata a rappresentare il driver principale della domanda di plastica flessibile grazie ai bassi costi di produzione. Inoltre, l’aumento dei consumatori che utilizzano piattaforme di e-commerce porterà a un maggiore utilizzo di imballaggi in plastica flessibile legati alla spedizione dei prodotti.

Dal punto di vista della concorrenza, la base di approvvigionamento è frammentata, dove le multinazionali svolgono un ruolo dominante nella maggior parte delle regioni e i primi cinque player principali coprono poco meno del 30% del mercato.

Per ottenere un vantaggio competitivo, secondo Frost & Sullivan gli operatori dovrebbero emulare aziende innovative come Amcor, Berry, Huhtanaki e Mondi e proporre innovazioni di prodotto volte alla sostenibilità, a una maggiore praticità per i consumatori e ad una maggiore riciclabilità.

Ulteriori opportunità di crescita potrebbero derivare dall’ampliamento degli impianti di produzione in regioni emergenti come l'Asia-Pacifico, dove si prevede che la domanda di imballaggi in plastica flessibile aumenterà per effetto della crescente necessità di questi prodotti nelle applicazioni finali. Ulteriori fattori sono l’introduzione di prodotti che promuovono un minore utilizzo delle risorse naturali, producono meno rifiuti, migliorano la durata di conservazione e sono economicamente convenienti, e l’aumento delle capacità produttive per soddisfare la crescente domanda di alimenti confezionati come piatti pronti, cibi surgelati, snack e miscele per torte.

Nonostante le significative prospettive di espansione del mercato, la durabilità e la longevità della plastica implicano notevoli sforzi per degradarla, e la plastica flessibile utilizzata per sacchetti della spesa, pellicole e involucri finisce nelle discariche o negli oceani. Inoltre, i rifiuti plastici possono anche avere un impatto sulla salute umana entrando nella catena alimentare. Questo, a sua volta, ha esercitato pressioni su aziende e produttori affinché trovassero soluzioni praticabili, migliorando il tasso di riciclaggio o concentrandosi sulla produzione di alternative alla plastica.

La recente analisi di Frost & Sullivan dedicata alle previsioni per il mercato globale degli imballaggi in plastica flessibile fino al 2023 illustra i trend e i fattori industriali, tecnologici, normativi e di crescita che hanno determinato il settore globale degli imballaggi in plastica flessibile, sfide che lo attendono e le opportunità da cogliere. Gli utilizzatori finali a cui si fa riferimento sono l’industria alimentare e delle bevande, farmaceutica, dei prodotti per la cura della persona, cosmetica e altro ancora, mentre le materie prime vengono suddivise in polietilene, polipropilene, polietilene tereftalato e altri.

frost.com

Lascia un commento

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer