Pubblicato in Mercati Consumi
In declino la produzione di grano tenero e semi oleosi in Europa
Le nuove previsioni del Copa e della Cogeca rivelano un decremento della produzione di grano tenero e semi oleosi in tutta Europa quest'anno rispetto al 2015, principalmente a causa delle cattive condizioni atmosferiche e dell'aumento di organismi nocivi e malattie

L'annuncio è stato fatto dai gruppi di lavoro "Cereali" e "Semi oleosi e colture proteiche" del Copa e della Cogeca. Il presidente del gruppo di lavoro "Cereali", Max Schulman, ha affermato: "Le ultime previsioni mostrano che il grano tenero europeo è calato del 3,5% quest'anno e le rese sono inferiori, soprattutto a causa delle condizioni climatiche sfavorevoli, che vanno dalla siccità all'eccesso di pioggia nel centro Europa. La produzione cerealicola dell'UE a 28 registra un leggero aumento dell'1,3% rispetto allo scorso anno, ma la situazione per il grano tenero e l'orzo dovrebbe peggiorare e i dati dovranno essere probabilmente corretti al ribasso. Vi è altresì grande incertezza in merito alle previsioni per il mais, in quanto la stagione è cominciata in ritardo ed è mancato il sole".
"Quest'anno molti paesi hanno anche grossi problemi con gli organismi nocivi e le malattie. Diventa sempre più difficile contrastarli, a causa della resistenza sempre maggiore ai prodotti fitosanitari. Vi è una vera e propria scarsità di tali prodotti e manca un set di strumenti nutrito per gestire il rischio sui campi. Il problema va affrontato", ha detto Schulman.
Contemporaneamente, il presidente del gruppo di lavoro "Semi oleosi e colture proteiche", Arnaud Rousseau, ha dichiarato: "La produzione di semi oleosi di tutta Europa è diminuita dell'1,7% quest'anno rispetto al 2015. La colza in particolare ha subito una drastica riduzione del 5,1%, in parte a causa delle difficili condizioni climatiche, ma anche per l'aumento di organismi nocivi e malattie. La riduzione delle superfici è anche legata alla politica dell'UE in materia di pesticidi e alla graduale scomparsa dei prodotti fitosanitari. Inoltre, il dibattito sul peso attribuito al biodiesel nel prossimo pacchetto energia e clima rende gli agricoltori incerti nella loro pianificazione delle nuove colture per il raccolto 2017. Nondimeno, la produzione UE di colture proteiche aumenta del 5,7% rispetto al 2015, e ciò è dovuto parzialmente alla nuova politica agricola comune. Si tratta di una notizia positiva per il settore europeo dell'allevamento, ma occorre garantire che i volumi prodotti trovino sbocco sul mercato." Per maggiori dettagli, vedasi www.copa-cogeca.eu

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer
 

PopUp Aholic

AAAAA