Pubblicato in Mercati Consumi
Gli snack al formaggio rivitalizzano il comparto lattiero-caseario

Ingredients Communications ha recentemente pubblicato un’indagine dedicata agli snack che ha tracciato le 10 principali tendenze di mercato che riguardanti il settore dairy e da cui si evince che reinventare il formaggio come spuntino naturalmente sano è la più grande opportunità di crescita per le aziende lattiero-casearie.

Il formaggio, in effetti, ha ricevuto un sostegno importante dalla ricerca scientifica che lo definisce come un alimento completo "naturalmente funzionale", privo di elementi negativi legati al contenuto di grassi o di sodio.  Ora, i nuovi dati di vendita mostrano come legare il formaggio al crescente consumo di snack possa rappresentare un successo di mercato.

Uno dei prodotti di maggior successo lanciato negli Stati Uniti, che nel primo anno di vendite ha totalizzato 67 milioni di dollari, è il Sargento Balanced Breaks, uno snack che accoppia il formaggio a frutta e frutta a guscio. La sua strategia di marketing vincente mette in evidenza la praticità dello spuntino nonché le proprietà naturalmente nutrienti del formaggio.

E i consumatori sono disposti a pagare un prezzo premium per uno spuntino di formaggio. Basti pensare che lo snack Sargento costa al dettaglio il 150% in più rispetto al normale formaggio. Secondo gli analisti, quindi, per garantire una crescita redditizia, le nicchie di alta qualità offrono le maggiori opportunità e i minori rischi per i prodotti lattiero-caseari. Quasi sempre la strategia più efficace per una crescita redditizia in questo settore è iniziare a concentrarsi sui segmenti a basso volume e ad alto valore di mercato.

La Spire Brands è un'altra azienda che ha trovato una soluzione semplice per soddisfare un bisogno crescente dei consumatori. Il suo snack Moon Cheese – costituito da bocconcini essiccati di Gouda, Cheddar, o Pepper Jack in una pratica confezione – ha totalizzato 10 milioni di $ nei primi mesi del 2016, con la prospettiva di raddoppiare il fatturato annuo arrivando a circa $ 20 milioni nel 2017.

Per anni il formaggio è caduto in disgrazia a causa del suo alto contenuto di grassi e della correlazione fallace con le malattie cardiovascolari. Ma la nuova consapevolezza dei consumatori circa i benefici salutistici del prodotto significa che c'è spazio per la crescita nei Paesi in cui il consumo di formaggio è stato scarso. Se gli americani dovessero raggiungere lo stesso consumo pro capite di formaggio della Francia, per esempio, il mercato statunitense raddoppierebbe le proprie dimensioni.

Ma proprio quando le evidenze scientifiche hanno dimostrato che i prodotti lattiero-caseari sono alimenti naturali completi ricchi di vantaggi per la nostra salute, bisogna fare i conti con alcuni nuovi aspetti negativi (evidenziati dai blogger on-line), che stanno sostenendo il trend alimentare senza latticini.

I prodotti lattiero-caseari senza latte rappresentano sia un'opportunità che una minaccia e le aziende del settore devono prendere atto della tendenza e sapere come rispondervi, il che in molti casi significa entrare nel mercato.

Danone ha trasformato l’interesse per i prodotti senza latte in un'opportunità con l'acquisizione di WhiteWave, diventando così sia una delle più grandi aziende operanti sia nel settore lattiero-caseario che non caseario nel mondo.

I produttori di latte di mandorle e di cocco hanno capitalizzato l'interesse generale sul benessere dell'apparato digerente (una delle più importanti tendenze del settore alimentare e delle bevande), posizionando i prodotti come "più facili da digerire" rispetto al latte di mucca. Affrontare le preoccupazioni della gente in merito alla digeribilità del latte e dei suoi derivati offre notevoli opportunità per i prodotti lattiero-caseari, come ha dimostrato in Australia il marchio il latte vaccino A2, dove ha guadagnato una quota di mercato del 12% con il suo latte liquido grazie al claim "facile da digerire".

 

Lascia un commento

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer