Pubblicato in Mercati Consumi
Verso il raddoppio della produzione mondiale di patate in 10 anni

 

In occasione dell'11° Congresso Mondiale della Patata (WPC) di Dublino, QU Dongyu, Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO), ha affermato che i raccolti di patate potrebbero raddoppiare nei prossimi 10 anni, contribuendo al miglioramento della sicurezza alimentare mondiale.

Le patate rappresentano la terza coltura alimentare più importante del mondo e vengono regolarmente consumate da miliardi di persone, generando reddito per i piccoli produttori ed offrendo un alimento povero di grassi ma ricco di fibre, carboidrati, antiossidanti e sostanze nutritive, oltre a generare meno gas serra rispetto ad altre grandi colture.

Oggi le patate, originarie del Sud America, sono coltivate su oltre 20 milioni di ettari in 150 Paesi per una produzione globale totale di 359 milioni di tonnellate nel 2020, ma si ritiene che, puntando sul miglioramento delle rese e sfruttando appieno le aree storiche di coltivazione, si potrebbe arrivare a 500 milioni di tonnellate nel 2025 e 750 milioni di tonnellate nel 2030.

Se sono stati i popoli del Perù e della Bolivia ad addomesticare la patata, oggi sono Asia e Africa le regioni a registrare la crescita più rapida della produzione, che risulta invece in calo in Europa e Nord America. A livello globale, la produzione di patate è quindi cresciuta grazie al miglioramento delle rese, anche se sono diminuite le superfici coltivate.

In questo quadro Qu Dongyu ha auspicato l’ulteriore miglioramento dei sistemi di coltivazione delle patate e sottolineato l’importanza del miglioramento genetico per ottenere varietà con cicli di riproduzione più brevi e semi esenti da virus.

La banca genetica dell'International Potato Center di Lima ha conservato più di 7 000 diverse varietà autoctone e selvatiche contraddistinte da un'ampia gamma di caratteristiche, inclusa la capacità di adattarsi a diversi ambienti di produzione e di resistere a vari parassiti e malattie. Qu ha sottolineato che il fabbisogno relativamente basso di risorse naturali delle patate, che le rende un'importante coltura alimentare di sopravvivenza nei periodi di carestia e in caso di calamità. In Cina, ad esempio, le patate sono considerate la miglior coltura per aumentare il reddito e ridurre la povertà soprattutto nelle aree un tempo povere, soprattutto montuose.

www.fao.org

Lascia un commento

Image
Copyright © 1998-2022 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer