Pubblicato in Mercati Consumi
Gli omega-3 nei latticini sono ancora di moda?
Il settore lattiero-caseario è stato uno di quelli in cui i claim sugli omega-3 hanno caratterizzato abbastanza fortemente gli ultimi anni, in particolare per i grassi gialli e il latte. Mentre il numero effettivo dei prodotti lattiero-caseari che riportavano la presenza di omega 3 è aumentato nel corso degli ultimi cinque anni, secondo l’analista Innova Market Insights, la quota di lanci nell’intero comparto (escluse le bevande alternative ai latticini) è scesa dal 2,4% registrato dall’ottobre 2007 all’ottobre 2008 all’1,5% dello stesso periodo nel 2013.
"Mentre la consapevolezza dei potenziali benefici per la salute degli acidi grassi omega-3 è aumentata nel corso degli anni, il recente inasprimento della legislazione sui claim ha generalmente portato ad una diminuzione dell’impiego di questo tipo di definizione in relazione a specifici benefici", riferisce Lu Ann Williams, direttore del settore Innovazione di Innova Market Insights. "Espressioni come ad alto contenuto di omega-3, contiene omega-3 o ricco di omega-3 hanno continuato ad essere utilizzate, ma è stata molto meno propagandata la loro relazione con la salute del cuore, del cervello, cognitiva o degli occhi, poiché le aziende produttrici si sono maggiormente affidate alle attuali conoscenze dei consumatori sui potenziali benefici di questi composti".
Come ci si poteva forse aspettare, il più alto livello di interesse per i prodotti funzionali e salutistici registrato in Nord America si riflette nella relativa popolarità dei prodotti contenenti omega-3 prodotti nel settore lattiero-caseario, tanto che in questa regione geografica non solo si è contato il maggior numero di lanci di questo genere di prodotti riportanti claim sugli omega-3, con quasi il 35 % del totale mondiale, ma si è anche rilevata la quota più elevata in termini di lanci totali di lattiero-caseari, con il 3,8%, davanti all’oltre 2,6% del mercato asiatico, anch’esso relativamente attento alla salute.
Le categorie lattiero-casearie principali che utilizzano claim sugli omega-3 sono grassi gialli e latte, e hanno rappresentato poco più dell’80% dei lanci globali, utilizzando sia  espressioni sulla presenza di omega-3 che di DHA (o entrambi) nei 12 mesi che hanno preceduto la fine di ottobre 2013, e se il numero effettivo di lanci di prodotti contenenti omega-3 non è tanto diverso in ciascuna delle due categorie, il significato è molto diverso. I claim sugli omega-3 sono stati rilevati in poco più del 10% dei lanci di grassi gialli, a fronte di un più modesto 3% della categoria del latte e delle bevande al latte che nello stesso periodo ha registrato un numero di lanci di molto superiore.
Il posizionamento dei grassi gialli con claim sugli omega-3 è cambiato negli ultimi anni, dove i messaggi iniziali riguardanti controllo del colesterolo e benessere dell’apparato cardio-circolatorio cominciano ora a cedere il passo a claim più generalistici sulla "salute per tutta la famiglia" o a posizionamenti " per uno stile di vita attivo e salutare".
La Spagna è leader europeo per il latte con omega-3, il che riflette lo stato altamente sviluppato del settore dei latti funzionali nel suo complesso. Le linee arricchite in calcio sono ben consolidate e guidano questo mercato, ma più di recente si è registrato un crescente interesse per i latti dedicati alla salute del cuore (Corazon), in particolare per i prodotti con omega-3, che rappresentano il 6% del totale dei lanci di latte nei 12 mesi conclusisi con la fine di ottobre 2013.

Lascia un commento

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer