Stampa questa pagina
Pubblicato in Mercati Consumi
Global commercial beverage growth by region and category, 2013-18F (CAGR)

Gli esperti della Canadean prevedono che per il 2012 la crescita commerciale globale del settore bevande sia pari a quella del 2011.

Tutte le regioni hanno fatto registrare una prestazione positiva a eccezione dell’Europa occidentale dove l’effetto sui soft drink e sulla birra della crisi nell’Eurozona è stato ulteriormente aggravato dalle avverse condizioni meteorologiche estive. Il contributo dell’Asia ha continuato a essere positivo e per i soft drink rappresenta circa il 30% dell’incremento del consumo globale.

All’interno del mercato del vino, per esempio in Cina, la domanda continua a crescere nelle zone rurali.

Nella classifica dei 10 mercati con la crescita maggiore nel 2013, 5 sono in Asia (Cina, India, Indonesia, Pakistan e Tailandia) e 2 in America Latina (Brasile e Messico). È previsto che più del 50% dell’aumento globale di volume provenga dai 5 Paesi asiatici. La classifica comprende anche Stati Uniti, Sud Africa e Arabia Saudita.

Al contrario, le perdite peggiori sono previste nei 4 Paesi europei più in crisi economicamente, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna.

Le previsioni a lungo termine indicano che il settore globale delle bevande continuerà a crescere di circa il 4% e che nel 2018 l’Asia rappresenterà il 50% del consumo totale di bevande con un aumento di circa il 10% nell’ultimo decennio: circa l’80% dei liquori e il 40% dei soft drink e della birra consumati nel mondo saranno bevuti in Asia.

In un mondo caratterizzato da instabilità economica e problemi nella fornitura delle materie prime, l’approvvigionamento strategico delle materie prime e l’investimento nell’innovazione sembrano essere vitali con sostenere la crescita globale del consumo delle bevande.