Pubblicato in Mercati Consumi
L’America del Nord fa registrare una contrazione dei consumi di succhi

Il consumo di succhi nel Nord America corrisponde a più di un terzo dei volumi globali. Ma, il mercato sta perdendo quote nei confronti dei soft drink, secondo quanto affermato dagli esperti della Canadean. Oggi, la categoria dei succhi è ben al di sotto dei valori di dieci anni fa e il consumo pro capite è in continua contrazione: una decina di anni fa i volumi superavano facilmente i dieci miliardi di litri, ma adesso stentano a mantenere il livello degli otto miliardi di litri.

I succhi, da un lato rispondono alle crescenti necessità salutistiche e nutrizionali, ma nello stesso tempo i consumatori sono preoccupati per le calorie e il contenuto di zucchero e spesso sono perplessi sull’acidità del prodotto. Inoltre, il segmento dei succhi deve affrontare il tema delle forniture fluttuanti del concentrato e dell’aumento dei prezzi che accrescono l’interesse per i nettari e le altre bevande più economiche.

Nell’America del nord più della metà dei volumi dei succhi continua a essere refrigerato, anche se è registrata una flessione. I prodotti refrigerati sono spesso percepiti come bevande di qualità migliore, ma anche con un prezzo maggiore. Questo ha avuto un impatto sfavorevole nei periodi economici meno floridi e ha permesso ai succhi conservati a temperatura ambiente di guadagnare qualche punto.

Alcuni consumatori stanno passando dai succhi monogusto più costosi alle miscele a più basso costo. Secondo la Canadean, l’arancia, seguita dalla mela, rimane comunque tra le scelte più popolari nella regione.

I prodotti a marchio privato hanno attirato maggior attenzione, soprattutto a causa dei limitati budget familiari. Sono stati considerati di qualità inferiore, ma ora i principali retailer sono in grado di offrire gusti diversi, quali “appena spremuto” o “ricco in fibre”, e prodotti biologici presentai in cartoni e bottiglie accattivanti.

Negli anni recenti la categoria dei succhi di frutta ha sofferto nell’America del Nord, da un lato per un minor consumo da parte delle persone, e dall’altro per una riduzione negli investimenti, entrambi dovuti alla recessione globale e, secondo la Canadean, le prospettive per il mercato non sembrano essere promettenti.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer