Pubblicato in Mercati Consumi
Il Copa-Cogeca pubblica nuove stime sulla produzione di cereali nell'UE28 per la campagna di commercializzazione 2014/15
Le nuove stime pubblicate oggi dal Copa-Cogeca sulla produzione di cereali nell'UE28 per la campagna di commercializzazione 2014/15 rivelano che le semine di cereali vernini si sono svolte in condizioni favorevoli, anche se la stagione di crescita è ancora agli inizi.
L'annuncio è stato fatto dal gruppo di lavoro "Cereali" del Copa-Cogeca. Nel corso della riunione, numerosi Stati membri hanno riferito che le colture sono in buono stato grazie a un inverno mite e alle buone condizioni di semina di cereali vernini. Malgrado delle incertezze circa la coltivazione di mais, le superfici dovrebbero rimanere complessivamente stabili, mentre la produzione di cereali di tutta l'UE dovrebbe aumentare dell'1,5% rispetto all'anno scorso. Le superfici investite a frumento dovrebbero registrare un leggero aumento. Anche nel Regno Unito la situazione è positiva nonostante le forti inondazioni. Tuttavia, in alcuni paesi, come la Spagna, è troppo presto per fare un bilancio, e anche per il resto dell'UE i dati sono forniti con una certa cautela. Desta qualche preoccupazione anche la diminuzione delle semine di frumento duro malgrado le buone condizioni climatiche che hanno caratterizzato tali regioni. Dal canto loro, gli Stati baltici sono confrontati a un elevatissimo tasso di perdite determinate dai rigori dell'inverno (circa l'80%) e stanno cercando varietà di sementi primaverili disponibili. Onde garantire la disponibilità di sementi in futuro, il presidente del gruppo di lavoro, il finlandese Max Schulman, ha invocato la realizzazione di un bilancio delle sementi di cereali, oleaginose e proteaginose.
Egli ha accolto con soddisfazione la situazione generalmente positiva delle colture. Ha però sottolineato che, anche se si intravvede un certo potenziale, è ancora troppo presto per pronunciarsi con certezza. Alcune zone sono ora all'asciutto e hanno bisogno di acqua, mentre le zone a nord potrebbero essere ancora colpite da gelate. Inoltre, non è ancora certo che i cerealicoltori avranno sufficienti liquidità per coprire i costi in aumento, ad esempio per l'acquisto di fertilizzanti e prodotti fitosanitari. A suo avviso, la difficile situazione economica sta rendendo più difficile, per gli agricoltori, il pieno sfruttamento del loro potenziale di produzione.
Secondo le stime provvisorie del Copa-Cogeca, quest’anno la produzione di frumento tenero dell'UE28 dovrebbe salire del 2,7%, attestandosi sui 136,199 milioni di tonnellate, mentre la produzione di orzo dovrebbe calare leggermente dello 0,4%. Per maggiori dettagli, si rinvia al sito web del Copa-Cogeca.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer
 

PopUp Aholic

AAAAA