Pubblicato in Ricerca Applicata
Emulsionanti dagli scarti di frantoio

Sulla rivista Bioresource Technology (vol. 205, pagg. 1-6, aprile 2016) ricercatori spagnoli hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sullo sviluppo di un metodo per produrre emulsionanti e altri additivi naturali di alta qualità dagli scarti della produzione dell’olio d’oliva. Lo scopo di questo studio è di dimostrare l’efficacia dell’idrolisi degli scarti del frantoio (OMW) come trattamento prima della produzione tramite fermentazione di biosurfattanti. Sono stati valutati 3 metodi d’idrolisi: enzimatica, pretrattamento con acido più enzimatica e acida, mentre la fermentazione è stata condotta utilizzando due specie batteriche: Pseudomonas aeruginosa e Bacillus subtilis.

I risultati hanno dimostrato che l’idrolisi enzimatica è il pretrattamento migliore con una resa massima rispettivamente di 29,5 e 13,7 mg/L di ramnolipidi e surfattine; nelle migliori condizioni, i ramnolipidi e le surfattine hanno raggiunto le concentrazioni di 299 e 26,5 mg/L, valori considerevolmente più alti rispetto a quelli ottenuti con OMW non idrolizzato. Inoltre, il pretrattamento enzimatico sembra ridurre parzialmente gli effetti inibitori dell’OMW sulla produzione di surfattine oltre a aumentare in modo efficace la produttività di questi biosurfattanti utilizzando l’OMW come unica fonte di carbonio.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer