Pubblicato in Ricerca Applicata
I sottoprodotti del caffè tornano utili in cucina

I fondi di caffè, già utilizzati per la produzione di bevande e del caffè istantaneo, sono un prodotto di scarto (45%) dell'industria del caffè. Questo materiale può essere usato, ad esempio, per il compost, come bio-combustibile e negli alimenti per animali.

Uno studio pubblicato su Food Chemistry ha voluto indagare se gli scarti di caffè potessero essere utilizzati nell'alimentazione umana come fonte di fibre antiossidanti. Un team di studiosi spagnoli guidati da Maria Dolores dDel Castillo ha prodotto dei biscotti con una percentuale, che va dal 3,5% al 4,4%, di fondi di caffè. Una giuria di 26 persone li hanno giudicati, insieme a biscotti in vendita, in base a colore, consistenza, gusto e gradimento complessivo e non hanno trovato differenze apprezzabili. Le osservazioni di Del Castillo riassumono i risultati: “I sottoprodotti del caffè sono una naturale fonte di antiossidanti e amminoacidi essenziali con basso contenuto di zuccheri, hanno inoltre un'alta resistenza al calore e ai processi digestivi; sono infine totalmente sicuri quindi possono essere incorporati come normali ingredienti per la dieta umana”. 

 

Lascia un commento

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer