Pubblicato in Ricerca Applicata
Un vaccino contro la salmonella per animali e alimenti più sani

Alcuni tipi di Salmonella causano malattie negli animali destinati al consumo umano, come i suini, mentre altri provocano malattia nell’uomo contagiato attraverso la trasmissione alimentare. Un lavoro pubblicato sul numero di agosto di AgResearch, condotto da un’équipe di ricercatori dell’Agricultural Research Service (ARS) di Ames, nello Iowa, ha quindi messo a punto un nuovo vaccino finalizzato a proteggere dalla salmonella gli animali destinati al consumo umano.

La maggior parte dei vaccini contro la salmonella protegge solo contro un tipo di patogeno, il che lascia i suini suscettibili di contrarre la salmonellosi attraverso altri ceppi del batterio. Inoltre, mentre alcuni vaccini per la salmonella riducono la malattia nei suini, non possono proteggere contro i ceppi responsabili della malattia nell’uomo.

I microbiologi Shawn Bearson e Brad Bearson dell'unità di ricerca ARS per la sicurezza alimentare e i patogeni enterici e dell'unità di ricerca per la gestione degli agroecosistemi, sempre dell’ARS hanno sviluppato un nuovo vaccino che protegge gli animali da allevamento contro la Salmonella causa della malattia sia nell’uomo che negli animali stessi.

Negli esperimenti, il vaccino ha protetto i suini contro due ceppi di salmonella: il Typhimurium e il Choleraesuis, e anche i tacchini contro la S.Typhimurium e un tipo di salmonella resistente a più farmaci, la S.Heidelberg, il batterio responsabile di un focolaio nel 2011 in Turchia.

La S. Choleraesuis provoca una grave malattia che può uccidere gli animali e negli anni '80 e '90 è stata causa di importanti epidemie fra i suini negli USA e in tutto il mondo. Secondo gli scienziati dell’ARS, se si verificasse un’epidemia negli Stati Uniti, il nuovo vaccino potrebbe fornire protezione contro il Choleraesuis, insieme ad altri ceppi responsabili della tossinfezione alimentare, come il Typhimurium. Il vaccino è anche un dispositivo DIVA – differenziazione degli infetti dagli animali vaccinati – il che significa che non dovrebbe interferire con le prove specifiche utilizzate per rilevare le infezioni naturali da salmonella nei suini. Pertanto, un produttore può differenziare gli animali vaccinati da quelli esposti naturalmente alla salmonella.

Gli scienziati ritengono che questo vaccino, per cui l’ARS ha presentato domanda di brevetto, proteggerà gli animali anche contro altri tipi di salmonella oltre ai tre ceppi testati.

 

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer
 

PopUp Aholic

AAAAA