Scegliere gli champignon per arginare il diabete

Uno studio, fatto sui topi, ha evidenziato come il consumo di funghi champignon cambi la composizione della flora intestinale, producendo più acidi grassi a catena corta.  A dirlo è la prof.ssa Cantorna di immunologia molecolare presso la Facoltà di Scienze Agrarie della Pennsylvania, che ha guidato la ricerca riportata sul Journal of Functional Foods. I topi sono stati nutriti con una dose giornaliera di funghi che hanno messo in atto una reazione a catena sul microbiota, aumentando la presenza di Prevotella, un batterio che produce Propionato e Succinato. Questi due acidi possono cambiare l’espressione genetica che aiuta a regolare la produzione di glucosio e quindi a scongiurare il diabete. Cantorna ha sottolineato l’evidenza che ogni cambiamento nella dieta influisce sul microbiota e spera di effettuare al più presto ulteriori esperimenti sull’uomo. 

Altro in questa categoria: « Alito cattivo? Il rimedio è lo zenzero

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.


Copyright © 1998 - © 2018 Chiriotti Editori S.r.l. Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy | Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480
Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010 | info@foodexecutive.it
Disclaimer | Website by Marco Riccardi
Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok